Logicor, il più grande operatore di asset logistici in Europa, annuncia l'acquisto di 19 immobili tra Italia e Belgio. Le nuove acquisizioni si sono sviluppate nelle seguenti operazioni:

Italia: Portafoglio di quattro immobili nei pressi di Milano per un totale di 175.000 mq. Gli immobili sono stati acquistati da uno sviluppatore locale. Tra i vari inquilini spiccano Geodis e Kuehne + Nagel, entrambi operatori logistici di rilievo in Europa.

Italia: Portafoglio di sei immobili acquistati da Schroders e Investire Immobiliare SGR per un totale di 275.000 mq. Quattro immobili si trovano lungo la A1 (Milano-Napoli) nei pressi del capoluogo lombardo e altri due sono ubicati nei pressi dell'aeroporto di Fiumicino in Roma. Tra i principali inquilini, tutti appartenenti al mondo della logistica, citiamo Ceva, XPO, ancora Kuehne + Nagel, e la multinazionale francese Saint-Gobain.

Belgio: Portafoglio di nove immobili per un totale di 156.000 mq che Logicor ha acquistato da AXA REIM. Due immobili si trovano nelle vicinanze diell'aeroporto di Bruxelles, un immobile nel cuore del mercato logistico di Willebroek e i restanti immobili si trovano nella località di Meer, un centro logistico sul confine tra Belgio e Paesi Bassi. I principali inquilini sono ASCO Industries, produttori di componenti aerospaziali, e Hill’s il colosso di alimenti per cani.

Come risultato di queste acquisizioni il portafoglio di Logicor in Italia raggiunge i 924.000 mq, mentre quello del Benelux i 500.000 mq.

Mo Barzegar, AD e Presidente di Logicor afferma:

Siamo contenti di incorporare nella nostra piattaforma europea questi nuovi immobili in Italia e Belgio. In questo modo abbiamo creato un accesso al mercato logistico immobiliare di Roma e abbiamo aggiunto un altro paese alla nostra offerta di prodotti. Tutte e tre le operazioni rafforzano ed consolidano le relazioni con i nostri clienti, e sono coerenti con la nostra strategia di investimento focalizzata nei settori chiave della catena logistica in tutta Europa.

Blackstone e Logicor si sono avvalse della consulenza di Cushman & Wakefield in tutte e tre le operazioni.